• Cosa vuol dire Maan?
  • In sanscrito significa "rispetto".
  • In arabo significa "insieme".
  • In giapponese significa "la moltitudine".
  • In olandese significa "luna".
  • In una lingua che non esiste ancora, significa "quello che faccio".

SPETTACOLI

regia, drammaturgia, produzioni

VIDEO

documentari, corti, lunghi

FORMAZIONE

sperimentare, crescere, imparare

ALTRO

tutto quello che avanza

Gli occhiali o L'amore a prima vista

Regia

Leggi tutto...

Restart Storytelling #01

Digital Storytelling

Leggi tutto...

Regia

Produzione: Orchestra Sinfonica Rossini

Musica e libretto di Danilo Comitini
Orchestra Sinfonica G. Rossini
Formazione da camera

Personaggi e interpreti
Napoleone Bonaparte - Massimiliano Silvestri
Madame Lalande - Sandra Buongrazio
Talbot - Francisco Vas
Il maggiordomo - Nazario Pantaleo Gualano

Direttore: Noris Borgogelli
Regia e ideografie: Davide Schinaia
Costumi: Paul Mochrie
Scena e luci: Antonio Rinaldi
Coreografie: Ilaria Barzietti, Daniele De Angelis

Coro San Carlo, Pesaro
Maestro del coro: Salvatore Francavilla

Coro di voci bianche dell'I.C. Elio Tonelli, Pesaro
Maestro del coro: Sara Gambaccini

Scuola di danza: Atelier Danza Hangart
Pianista collaboratrice: Maria Teresa Chetta
Trucco: Ilaria Allegrucci

In collaborazione con
Opera Studio School

Coproduzione
Maan ricerca e spettacolo

Main sponsor
Ottica Venturi, Pesaro

Si ringraziano
Città Teatro
Mirco Casadei Tecnologia per Eventi

 

"Gli occhiali tenta di riavvicinare il pubblico all’opera lirica del proprio tempo. L’opera, nata proprio per intrattenere piacevolmente il pubblico di ogni sorta, si è lentamente allontanata dai gusti e dalle ‘orecchie’ del pubblico, al pari di altri generi musicali ‘colti’ e di altre forme artistiche (pittura, letteratura...).

In un teatro di tradizione soprattutto operistica come è il Teatro Rossini, Gli occhiali rappresenta un’intrigante sfida per la ricostruzione di un ponte crollato o se non altro traballante.
Insieme ad aspetti più tradizionali, come l’impiego di ariosi per far procedere l’azione e di arie che congelano lo scorrere del tempo, vi sono aspetti che più appartengono al XX e XI secolo, come l’uso rumoristico degli strumenti musicali o il frequente allontanamento dalla tonalità. Anche l’ensemble strumentale, 8 strumentisti, si rifà all’opera da camera novecentesca di Benjamin Britten."

Certo, ci è voluto coraggio, ma ce l’abbiamo fatta. C’è voluto coraggio a mettere in scena un’opera mai eseguita e quindi mai ascoltata prima. Qualche volta sfogliando le partiture e cercando di immaginare suoni diversi dai file midi che avevo a disposizione, mi è sembrato di perdermi. Per fortuna avevo attorno a me artisti di grande pazienza e talento come Noris Borgogelli, Danilo Comitini, Paul Mochrie, Antonio Rinaldi e tutti gli altri… Dall’altra parte, ho trovato nell’Orchestra Rossini un’organizzazione solida, che ha saputo costruire sapientemente le basi per questo successo. 

Ne facciamo un’altra?

 

 

Questo sito fa uso di Cookies e registra informazioni tecniche sulla tua navigazione. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information