SPETTACOLI

regia, drammaturgia, produzioni

VIDEO

documentari, corti, lunghi

FORMAZIONE

sperimentare, crescere, imparare

ALTRO

tutto quello che avanza

La fèma
Categoria: Spettacoli

La fèma

Regia

Commedia di Francesco Gabellini
Con Francesca Airaudo, Marco Bianchini, Giorgia Penzo, Lorenzo Scarponi, Francesco Tonti, Mauro Vannucci
Con il contributo dei partecipanti a La Butèga
Regia di Davide Schinaia
Produzione Compagnia Maan, Ass. Città Teatro, Fondazione Corte Coriano Teatro, Provincia di Rimini, Regione Emilia Romagna, IBC

La fèma chiude con successo il progetto triennale di ricerca sul dialetto romagnolo come lingua di scena, patrocinato dalle compagnie teatrali associate in Città Teatro, dalla Fondazione Corte Coriano Teatro e dalla Provincia di Rimini. Grazie a questo progetto è nata una nuova drammaturgia, dove gli attori dialettali e quelli professionisti collaborano insieme per far conoscere il dialetto e premiare i circuiti statali. Il progetto ha preso forma grazie alle ricerche di Francesco Gabellini, poeta e drammaturgo riccionese, avvenute nell’ambito del laboratorio “La Butega”, coordinato da Giorgia Penzo e Francesca Airaudo.

 

Note di regia

I personaggi de La féma sono come pesci in un acquario, chiusi nel loro piccolo ristorante, che immagino isolato sulle colline dell'entroterra riminese, senza possibilità di fuga, se non qualche illusorio "salto" fuori dall'acqua, per sognare un'alternativa che non viene mai seriamente intesa. Aldilà della storia che narra - e con cui è tutt'uno - questo testo mi interessa per la lingua, un dialetto che vivo da straniero e che per questo mi sorprende, prima che per i suoi significati, per i suoni che produce, per i suoi scioglilingua, per l'alternarsi di momenti soffici e spigolosi. Ci sono espressioni che hanno senso solo in dialetto, perché è il suono che le autorizza ad esistere, e l'insieme di quei suoni svela anche un modo di pensare e di vivere, in altre parole l'identità di chi parla. Quando si ha per le mani un testo in dialetto - nello specifico in dialetto di area riminese - si ha la sensazione di leggere fra le righe "maneggiare con cura", e questo per due motivi: in primo luogo per il rispetto che si dovrebbe avere proprio verso quella identità, e poi perché la comicità inscritta nei modi di dire e nei ritmi della parola attrae vertiginosamente verso la farsa. Allora emerge la necessità di cercare direzioni diverse, magari proprio a partire da come la parola si presenta anche a chi non la capisce, dal suo suono, per provare a percepire la sua "vibrazione emotiva".

Il lavoro su La féma si colloca in un percorso a tappe, partito due anni fa con un laboratorio sul dialetto - "La butéga" - e finalizzato alla messa in scena del testo redatto da Francesco Gabellini. Questa anteprima rappresenta una fondamentale occasione di confronto con il pubblico, utile a spingere il nostro lavoro oltre pratiche consolidate, per cercare soluzioni in divenire al problema del dialetto come lingua teatrale.

 

Note dell'autore

Quando penso a un Teatro in romagnolo, penso anche a un Teatro che, nonostante la difficoltà di comprensione e la mancanza di una tradizione che gli abbia in qualche modo conferito uno statuto di lingua teatrale, possa uscire dai confini della Romagna, perché non credo che le barriere linguistiche siano muri insormontabili. Qualcuno mi potrebbe anche obiettare che allora potrei anche scrivere in italiano e il compito mi risulterebbe più semplice. Ma il risultato non sarebbe sicuramente lo stesso. Sì, è vero, sono, ancora una volta, d’accordo con Baldini, che non tutto si può dire in dialetto, ma ci sono cose che vanno dette proprio in quel modo e in nessun altro. A queste cose mi sento molto legato. Credo che il Teatro sia un patrimonio di tutti e che chi lo fa si debba porre due importanti obiettivi: lavorare per la qualità dello spettacolo e allo stesso tempo cercare di portare a Teatro la gente, anche quella comune che a Teatro non ci va più, ma si lascia distrarre dai potenti “mezzi di distrazione di massa.” In questa difficile impresa credo che il dialetto potrebbe esserci d’aiuto.

 

Regia

Questo sito fa uso di Cookies e registra informazioni tecniche sulla tua navigazione. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information